Quanti approdano qui

sabato 20 agosto 2016

Ricomincio da qui

Cosa dire ...
non so ...
avevo in mente tante cose da scrivere in modo da usare questo spazio come "memoria"per ricordare i momenti belli  e quelli brutti casomai in un futuro venissi colta da Alzheimer ... ma ho come un vuoto di memoria  ...bhà  sara l'ora o forse mi sta gia cogliendo...
Ma è stata una serata parecchio emozionante sono arrivati i primi apprezzamenti/critiche su di un lavoro che mi è costato tanto in fatica e tempo ...ma che mi sta gratificando parecchio ...
E ricomincio da qui perché ad oggi(ieri a dire il vero) ho deciso di rimettermi in gioco, gioco sospeso
tre anni fa quasi dopo la notizia dell'arrivo del mio pupetto ...
Periodo che andando a ritroso ricordo molto confusionale e come spesso succede dovessi riviverlo
lo affronterei diversamente ...ma questo è un altro discorso e non so se avrò un'altra occasione  ...



domenica 28 febbraio 2016

Ciao

ciao Madame Tebè, per piacere mi cancelli dalla lista dei collaboratori?
grazie
saluti e tante buone cose :)

domenica 17 maggio 2015

 - Recinzione quarta in parti due -

- Che ti piacesse aver ragione l'avevo intuito, ma che arrivassi a questo punto pur di averla, proprio non lo avrei mai creduto!
- ...E quale punto sarei arrivata, secondo te?
- Al punti di farti falsa e bugiarda!
- Ma che dici? Falsa e bugiarda io?
- Sì proprio tu!
- Ma tu sei pazzo!
- No, io ho ragione!
- Ma se anche tu l'avessi, cosa cambierebbe? Con la ragione non ci si riempie la pancia né si sta caldi d'Inverno!
- Invece cambia tutto! Cambieresti tu e cambierei anch'io di conseguenza!
- Ma come conseguenza di cosa? Di una semplice bugia?
- Una bugia non ha proprio nulla di semplice!
- Invece sì! E' stata la prima cosa che mi è venuta in mente...
- Lo vedi come sei? Metti delle pezze che sono peggiori del buco!
- Ma che dici? Ma quali pezze? E soprattutto quale buco?!
- Quando fai finta di non vedere come stanno le cose non c'è proprio niente da fare...
- Ma quali cose dovrei vedere?
- Devi vedere tutto, tutto nella sua interezza e nello stesso momento! Altrimenti non va bene!
- Ma quanti occhi dovrei avere per vedere il mondo tutto assieme?!
- Di occhi ne bastano due, anche se sono chiusi, purché siano attaccati ad un cervello, e ad un cuore anche!
- Quindi io sarei una cieca senza cuore né cervello secondo te...?
- Sì, a volte lo sei!
- E quali volte lo sarei, di grazia...? Fammi anche un solo esempio!
- Per esempio adesso!
- Adesso non conta!
- E perché non conterebbe?
- Perché adesso non è ancora finito!
- Dici che potrebbe migliorare?
- No, dico che potrebbe diventare peggio!
- Peggio di così?
- Sì…
__________________________________________

- Ma vedi, io supponevo che tu…
- Se usi l’imperfetto, è come se stessi giustificandoti. Hai supposto o supponi ora?
- Ho supposto, supponevo, suppongo… non farne una supposta!
- Non è una supposta, il punto è che è vietato supporre, tu, o chiunque, non deve supporre, se no poi gli tocca giustificarsi, se dice che lo stava facendo; e se sbaglia supposizione, non c’è nessuno che possa correggerlo!
- E’ impossibile non supporre! Se anche non lo dichiarassi, lo farei lo stesso, significherebbe non potersi conoscere
- No, significherebbe solo non potersi prevedere
- No, significherebbe non potersi aspettare, non potersi progettare, tu dovresti saperlo bene…
- Uhm, forse, se alludi a quella sensazione per cui qualsiasi cosa si faccia non va bene, però immagina che bello se la smettessimo tutti di supporre
- Ma bello un corno! Senza la possibilità di aspettarsi qualcosa da un altro, saremmo chiusi come ostriche. Vuoi essere un’ostrica? Proprio tu che non ci somigli per niente
- Smettila! Stai supponendo ancora, limiti la mia libertà di sorprenderti. E’ un delitto, questo.
- E’ legittima difesa, o, al minimo, io lo chiamo affetto...
- Io lo chiamo paura
- La paura ha un qualche sottile filo ben ritorto che l’allaccia all’affetto… Sei presuntuosa se non lo supponi.
- Ah, che bella cosa! Rovesci i termini del discorso, nel momento stesso in cui stai supponendo che io sia presuntuosa!
- .. perché ti voglio bene, lo posso dire
- No, no e no! Lo capisci “no”? No. Come potrei distinguere questa cosa che tu vuoi far passare per manifestazione di affetto, da quello che si chiamerebbe invece “pregiudizio”?
- E che ha di così orrendo il pregiudizio? Il pregiudizio è ciò che mi consente, per esempio, di non apprezzare troppo il tuo amico Ernesto.
- Perché? Cos’ha che non va?
- Ti sta sempre addosso e mi pare che a te non dispiaccia.
- Ma è come un fratello per me! Lo sai…
- Lo so, ma non lo suppongo…
- Perché sei pieno di pregiudizi, e non te ne accorgi neanche, anzi, non sarebbero pregiudizi se te ne accorgessi, o lo sarebbero meno, perché se ne potrebbe parlare…
- Per quel che serve parlare…senza supporre!
- Su questo forse…
- No, non darmi ragione, non la voglio la tua ragione, ora sono stanco…

mercoledì 29 aprile 2015

Perle di saggezza di Madame Tebé: consigli pratici per i pipini molli

Hei, dico a te.
Si si. Proprio a te, fauna maschile dell'allegra brigata del picio mollo inconsapevole.
In effetti per il mio primo articolo, avevo preparato una storia succosa di sangue e tradimenti, in quanto sia il sangue che i tradimenti sono tra i miei argomenti preferiti insieme ai cadaveri, le orchidee, la decomposizione umana, la storia...ma ho deciso di accantonare tutto, per dedicarmi a te, caro il mio picio mollo inconsapevole.
Sto lampo di genio non é tutta farina del mio sacco, nel senso che di la nel forum, nel 3d Tentazioni aperto da Minerva, gran sex symbol di tradimento.net, si é finiti a parlare di te.
Che fai cilecca.
Reiteratamente.
E cosa peggiore, neghi l' evidenza. E si. La neghi. Sei un portatore di pelle di daino che ti permetti pure di fare battute sul tuo cazzo come se fosse imparentato con un cementificio.
É questa la cosa che fa incazzare a mina, ed é di questo che voglio parlare.
Intanto faccio una precisazione. Non mi occuperó  di pelli di daino in coppia, se una decide di innamorarsi di qualcuno con problemi erettivi, liberissima.  Anzi tutta la mia stima per il coraggio e l ' abnegazione, ma voglio affrontare il problema dalla parte di quelle che decidono di farsi una scopata randagia e si trovano sto disastro.
C'é da uscirci fuori di testa. Magari siamo sposate, fidanzate o comunque in coppia e abbiamo fatto i salti mortali che manco al circo Orfei vedono, per ritagliarci tre ore in motel con te, che apparentemente hai tutte le cosine a posto, e invece. Nelle mutande.
il nulla.

La prima volta te la puoi giocare.
L'emozione della situazione, il kaimano alla brace che ti sei magnato la sera prima, la nottata di canne e birra con i tuoi amici cerebrolesi...non c'é limite a quello che puoi inventare per dare una giustificazione alla tua debacle, e  se poi sei un maestro del cunnilingus diciamo che ci mettiamo una pezza e una seconda chance te la diamo.
Ma.
Se anche la seconda volta per farmci venire ti affidi al cunnilingus e non al supposto cementificio in mezzo alle gambe...beh...le scuse questa volta devono essere davvero convincenti. E tu devi essere un figo spaziale anche fuori dal letto, quindi con sinapsi funzionanti e una cultura universitaria per avere la terza chance.  Sempre per il dogma, che se noi leggiadre femmine fedifraghe rischiamo di farci beccare dall'evento diritto per venire in motel a scambiare fluidi con un toy...il gioco deve valere il rischio. Anche quella piú di bocca buona tra noi, vuole il minimo sindacale.
E delle sabbie mobili nelle mutande e non un cementificio,  non vale il rischio. E sorvolo sul minimo sindacale.

E quindi, se anche la terza volta si palesa il triste evento...
Diamoci un taglio e affrontiamo la realtà.
Non mi devo fare un culo come una porno diva per fartelo rizzare, non sono la tua fidanzata e sono talmente sicura di me e della mia figositá a 360 gradi che trascende anche l'etá, che non mi sfiora nemmeno l'idea che in qualche modo io abbia contribuito in negativo, al barzanottesimo agonizzante che hai in mezzo alle gambe, perché IO lo faccio rizzare in un nano secondo, oltre a fare dei pompini che sembrano defibrillatori quindi la colpa é del tuo corpo cavernoso che non funziona. Stampatelo in testa.
E basta con sta storia che non ti capita mai, perché a questo punto una qualsiasi donna sana di mente, oltre a non crederti, farebbe pure molta fatica a non romperti il setto nasale con una leggiadra gomitata.
Ecco perché all'inizio parlavo di pelle di daino inconsapevoli.
Siete voi. Voi che vi ostinate a negare un fatto oggettivo.
E un picio mollo quando non dovrebbe esserlo é un fatto oggettivo.
Oggettivissimo.
Che in se non sarebbe nemmeno un problema, ma é l'incaponirsi che fa raccapriccio.
La negazione non é tollerabile.  Davvero. E rende la vostra debacle assolutamente pietosa. Una di quelle pagine di storia da nascondere ai posteri o raccontare  alle amiche, facendosi quattro risate
E non é tollerabile nemmeno il dopo, quando giustamente venite sfanculati con grazia (o anche no) e vi chiedete perché.
Sará mica per quello? 
No guarda, é perché sei scemo oltre che mentitore, e il cazzo moscio é proprio la prerogativa che cerco per farmi una storia di sesso extra coniugale.
Mica voglio qualcuno che mi faccia ballare la rumba sempre sul cazzo. O che mi faccia ululare alla luna anche se sono le due del pomeriggio.
No no. Che schifo sentire un bel cazzo duro in mezzo alle gambe.
Mi viene da vomitare solo al pensiero.
Quasi svengo dal raccapriccio.
...
...
...
Senti scemo, guarda che capita cosí.  Magari ci credi pure se te lo dicono. Perché la tua inconsapevolezza raggiunge livelli che solo il fantasy.
E questo fantasy si tocca quando tu, inconsapevole, dopo che sei stato sfanculato,  ti permetti di fare battute erotiche...come se le tre volte fossero state tipo gang bang tutti contro tutti e orgasmi multipli a rotazione.
Cioè.  Tu. Fai. Battute erotiche?
Tu?
Intanto,  cretino, se pensi che le donne abbiano tutte la memoria di un criceto, ti assicuro che anche la piú smemorato tra noi avrà sempre marchiato in testa quei tristi momenti, quindi negare o tentare di gettare fumo negli occhi della memoria, non aiuta la tua causa. Anzi. La peggiora decisamente.
Ma perché poi, ti metti in questa posizione da minchione?
Bene.
La mia prima pillola di saggezza é stata erogata, e spero che tu, da domani veda un medico, o magari la smetti di far ridere i polli nei motel, che ti assicuro non c'é niente da ridere.

Vediamo chi puntare la prossima volta.
Magari i leccatori di ciotole, quelli che si spacciano per degli assi del cunnilingus e poi.
Appunto.
Leccatori di ciotole.
E maledizione, sono la maggioranza lá fuori.

venerdì 10 aprile 2015


Recinzione terza in parti due

-...per questa ragione e per quello che ti ho detto prima, quando qualcuno parla di "forza centrifuga" mi viene un po' da sorridere. 
-...
-Ehi, ma mi stai ascoltando?
-...Cosa? Scusa, ero distratta...
-Quindi non hai ascoltato niente di quello che ti ho detto?
-Ma no! Ti ascoltavo davvero... Fino ad un certo punto almeno...
-E fino a che punto, di grazia?
-Il punto preciso non lo so, però è stato un po' prima che mi ricordassi che Sabato alle 10.15 ho un appuntamanto dalla parrucchiera.
-Ok, ma oggi è Lunedì e le parrucchiere sono chiuse... 
-Peccato...
-Va bene, ma ti ricordi qualcosa di quello che ho detto?
-Mi hai detto "Ciao"...
-Ma quello è stato due ore fa!
-Mi ha anche detto che avevo delle belle scarpe...
-Quello è stato il mese scorso!
-Che pignolo che sei!
-Ma non è pignoleria, è che non sei tanto carina a non ascoltare la gente che ti parla...
-Ora che c'entra il mio aspetto fisico?
-Aspetto fisico?
-Va bene, lo so che ho la pelle un po' secca, ma è Primavera e c'è vento, quindi è normale: me lo ha detto anche l'estetista. Mi do la crema due volte al giorno sai? Credi forse che io faccia apposta ad avere queste screpolature?
-Ma non dicevo carina in quel senso...!
-Vuoi criticare qualcos'altro in me? Dài, spara pure a zero!
-Ma ti ho detto che non parlavo del tuo aspetto esteriore!
-Cioè, quindi tu mi stai dicendo che sono brutta dentro...
-No, ma che stai dicendo?
-Lo vedi allora che non mi ascolti!
-Ma sì che ti sto ascoltando invece, e ti rispondo anche!
-Non è vero! Tu mugugni solamente, al massimo mi dici "Sì, sì...", ma in realtà non te ne frega niente di quello che dico!
-Ma cosa dici?
-Lo vedi che non mi stai ascoltando?!
-Ma sì che ti ascolto! E se qualche volta ti sembra che non lo faccia è solo perché magari non capisco tanto bene quello che dici...
-Non è vero! Tu, mentre io ti racconto delle mie giornate, pensi solo ai fatti tuoi... Se ti avessi mai chiesto la tua opinione, sono certa che non avresti neppure saputo cosa rispondere!
-Ma tu non mi hai mai chiesto la mia opinione...!
-Se anche te l'avessi chiesta, tu non te ne saresti neppure accorto!
-Ma non è vero! Che dici?
-Lo vedi che mi stai ignorando ancora?
-Ma se ti sto parlando da due ore... Cosa vuol dire per te "ignorare"?
-Vuol dire fare come fai tu con me quando fai le cose che fai!
-Ma che risposta è? Questo non significa "ignorare", questo significa "vivere"!
-E quale sarebbe la differenza tra le due cose?
-Ok, hai ragione: non c'è nessuna differenza…

 *******************************************************************

 -Parla, ti sto ascoltando…
-Se mi stai ascoltando, che bisogno hai di dirlo?
-E’ per sottolineare la mia disposizione tutto-orecchi
-E secondo te ce n’era bisogno; vuol dire dunque che le altre volte non mi ascolti?
-Ma certo, ti ascolto sempre, è un modo di dire, insomma…
-Insomma, sei sicuro che vuoi sapere ciò che ho da dire? Sicuro sicuro?
-Pensi che non saperlo cambierebbe qualcosa?
-Piuttosto lascerebbe zone di silenzio, ecco…
-Possono essere gradevoli, certe zone di silenzio...
-Aggiungi “lo sappiamo bene io e te” e non potrai sapere quello che ho da dire!
-Non stavo per aggiungere niente…
-Però mi guardi con occhi che dicono proprio che siamo complici e..
-E il mio tutto-orecchie non basta a dire che ci metto solo e soltanto le orecchie?
-Mmm...Non intendevi questo con “tutto-orecchi” prima…
- Prima era prima, ora mi sento un po’ stropicciato, ma sono tutto-orecchi, cosa c’è che non va?
- C’è che ti preferirei distratto, ma non è ciò che devi sapere…
-Ma io sono distratto! Dimentico sempre i calzini tra le pagine del “Malleus maleficarum” lo sai…
- Eh, fosse quella la distrazione… A te si può parlare mentre stai mangiando il tiramisù della nonna Pina e memorizzi le sillabe, fossi scema…
- Ma allora la questione non è che io sappia o ignori, ma che io capisca senza parere, insomma il problema è che non sono adatto a sapere, perché so già?
-E bravo…
- Beh, ma i dati che vorresti ora farmi sapere non li ho…
- Li capti
- Ma niente affatto. Tu mi sopravvaluti, al solito…
- Veramente no, ma ti piace crederlo
- Cosa hai da farmi sapere?
- Niente, appunto. Dimmelo tu.
- Non penso mai a ciò che non so, ho troppe cose a cui pensare, anche questo sai..
- Ma ti interessa sapere ciò che non sai?
- Me lo dici allora? Non ti sembro abbastanza tutto-orecchi?
- Sei curioso?
- ….
- Se ti dico che ho speso mille euro per quelle scarpe che ti piacevano?
- È il dato?
- È il dato.
- Erano tanto belle, sì, ma non ci credo
- Non credi che io possa fare una simile follia, vero?
- Ora sei tu che fai la complice, ricorda che sono tutto-orecchi
- Scusa, hai ragione…
- Comunque non ci credo, ho visto sì una volta a Ginevra in una vetrina un paio di scarpe in piumino giallo, forse in pelo di pulcino, costavano più di mille euro, quindi esistono, ma tu non sei andata a Ginevra, altrimenti l’avrei saputo.
- Quindi non credi che io abbia potuto comprarle solo perché sai che non sono andata a Ginevra, non perché io non avrei mai potuto spendere quella cifra… Mi hai stancato tutto-orecchi, mettici del tuo…
- Tu non compreresti un paio di scarpe da mille euro, contenta?
- Ma non è questo che dovevo farti sapere…
- Eh, lo sapevo già
- Non con le orecchie
- Non con le orecchie.

mercoledì 25 marzo 2015

Recinzione seconda


Recinzione seconda

-Ma dài! Non può essere vero!
-Invece ti dico di sì!
-Cioè, secondo te i maschi e le femmine sono uguali?
-Sì, te lo ripeto per l'ennesima volta: anche se sembrano diversi, in realtà sono uguali!
-Aspetta, tu dici che se uno passa e ci vede, cioè io, coi capelli biondi e i boccoli e te, con quella barba di una settimana e tre capelli di numero in testa, ci scambia per la stessa persona?!
-No, ma non uguali in quel senso! Quello è solo il lato esteriore, l'apparenza! Se togli queste cose del tutto insignificanti ed arrivi al succo, troverai che non c'è davvero nessuna differenza tra noi due, così come non c'è nessuna differenza tra tutte le donne e tutti gli uomini del mondo!
-Questo un po' mi offende...
-E perchè mai?!
-Cioè, non solo stai dicendo che i maschi e le femmine sono la stessa cosa, ma stai velatamente insinuando che io, e dico e ribadisco, io, sarei uguale a tutte, e dico tutte, le altre donne del mondo?
-Un attimo, aspetta, non è che intendessi proprio questo... Tu mi stai fraintendendo... Tu sei una persona unica, sia al confronto delle altre donne che degli uomini, hai una tua individualità e sei speciale, ma sotto altri aspetti sei, come lo siamo tutti, sullo stesso piano degli altri e delle altre...
-E quali sarebbero queste cose che ho e che sono uguali a quelle degli altri? Su, dài, sentiamo cos'hai da dire a tua discolpa stavolta...
-E perché dovrei dire qualcosa a mia discolpa?!
-Non rispondere ad una domanda con un'altra domanda! Maleducato e cafone!
-Scusa...
-Allora perché io sarei come tutte le altre sciacquette del pianeta?
-Ma veramente io non ho mai detto questo...
-Spiegati in fretta che sto perdendo la pazienza!
-Ok, ok, ma non importa che ti alteri, e rimetti nella borsetta quello spray al peperoncino per favore...
-Tu cerca di spiegarti bene e forse lo farò, in caso contrario ti informo che ho anche il teaser qui dentro...
-Ma quello è illegale!
-Anche la stupidità di certi uomini dovrebbe esserlo!
-Va bene...
-Sto ancora aspettando.
-Un attimo, cos'è che ti dovevo dire?
-Tutti uguali voi uomini!
-Ecco: lo vedi che sei già d'accordo a metà con quello che ti stavo dicendo?!
-Ma "d'accordo a metà" non vuol dire niente...
-E invece sì, se sei già convinta che tutti gli uomini sono uguali fra loro, mi basta solo convincerti che anche per le donne vale la stessa cosa, poi mi basta trovare almeno un uomo ed una donna che non abbiano differenze ed io gioco è fatto...
-Il tuo discorso è un po' troppo capzioso...
-Grazie per il complimento, anche le tue scarpe sono belle!
-Veramente il mio non era un compl... Oh, le hai notate! Vero che sono un amore? Quando sono passata davanti alla vetrina di **** in via **** le ho viste e mi hanno colpita subito, poi erano anche in saldo!
-Ti stanno un incanto!
-Grazie, anche le tue sneackers con la suola parzialmente staccata e un filo elettrico al posto del laccio sinistro sono molto trendy... Ma, aspetta, di cosa stavamo parlando prima?
-Del fatto che, anche se le altre donne vorrebbero essere uguali a te, tu rimani inarrivabile!
-Oh, che galante! Ma io non sono nulla di speciale, anzi! Sai, io mi sono sempre considerata proprio come tutte le altre!
-Su, ora non fare la modesta! Anche a me non piace vantarmi anche quando dovrei... Ma tu sei davvero unica!
-Già, io e te siamo fatti della stessa pasta, siamo proprio uguali...